Mimetizzazione delle pinne GFT Bassofondo

pesca sub

Pinne GFT Bassofondo Soft MimetizzateDa strenuo sostenitore del mimetismo nella pesca in apnea mi sono ritrovato a pescare per un anno intero con le mie pinne in carbonio GFT Bassofondo Soft così come concepite dall’azienda produttrice: bellissime, reattive, pratiche ma… rigorosamente nere e con la trama di carbonio in bella evidenza.
Leggendo qua e la tra i forum di pesca subacquea avevo registrato pareri contrastanti riguardo all’ipotesi che l’applicazione di qualche tipo di trattamento mimetico avrebbe potuto incidere sul rendimento delle pale in composito. Secondo alcuni il degrado di prestazioni non sarebbe stato avvertibile, secondo altri poteva dipendere dal tipo di vernice o smalto applicato.
La decisione di rinunciare alla cavigliere da mezzo chilo, che nei lunghi spostamenti si fanno sentire fin troppo, mi hanno tuttavia convinto a applicare una semplice mimetizzazione nella parte inferiore della pinna. Senza le cavigliere infatti non sempre si riesce ad ancorarsi adeguatamente in modo da tenere le pinne appoggiate sul fondo, specie se su bassissimo fondo ed in presenza di moto ondoso o corrente sostenuta. E un paio di pinne che ondeggiano, si sa, mette in allarme o addirittura in fuga le possibili prede.
Mettendo da parte la tecnica da me utilizzata in passato, ed illustrata in questo articolo, ho deciso di effettuare la mimetizzazione utilizzando esclusivamente dei colori per modellismo e una spugnetta da cucina per la loro applicazione. Ho rinunciato pertanto all’applicazione del fondo aggrappante e, a lavoro finito, allo spray opacizzante.
Il lavoro, visibile nella foto in apertura, è venuto abbastanza bene, considerato che in tutto avrò impiegato meno di dieci minuti di tempo.
Cressi Gara 3000 LD MimetizzateCerto non è paragonabile, qualitativamente, a quello fatto sulle Cressi Gara 3000 LD in tecnopolimero (foto a lato), anche perché ho preferito non insistere troppo  lungo i bordi della pala ed in prossimità dei longheroni.
Dopo una prima prova in acqua la tenuta del colore è sembrata buona, anche se è comparso qualche piccolo graffio (non mi sono preoccupato di evitare il contatto con scogli e sabbia). La resa mi è parsa quella di sempre. Non ho avvertito nessun calo di prestazioni o una qualche modifica del comportamento della pala, tanto che sto pensando di dare comunque una mano di spray opacizzante e rifinire meglio il lavoro.
Insomma, l’esperimento mi è parso riuscito, e mi sento di poterlo consigliare a chi, come me, crede nell’efficacia del mimetismo… o che ancora non ha sufficienti mezzi tecnici per riuscire ad avvicinare il pesce indipendentemente dal livello di mimetizzazione della propria attrezzatura.

11 Commenti

  1. fabio famà scrive:

    E’venuto un bel lavoro Mytom! E poi non credo assolutamente che la vernice, in così modesta quantità, possa influire sul rendimento della pala…

  2. Mytom scrive:

    Grazie Fabio per l’apprezzamento. Tutto sommato non è venuto male… ma qualche altro colpetto di colore sui bordi mi sa che glielo do’…

  3. ivan.palumbo scrive:

    mi piace! devo provare con le mie.

    il verde che hai usato però mi sembra troppo vivo, preferisco un colore oliva.

  4. Spongy Sub scrive:

    Tommy un bel lavoro, penso che non possa influire sulle prestazioni del carbonio (mica siamo in F1 dove la minima variazione può scaturire un fenomeno diverso da quello previsto, viste le forti accellerazioni). Penso che anche io seguiro i tuoi consigli per le mie pale DEVOTO.

  5. Mytom scrive:

    Mi raccomando i colori. Io ho usato quelli da modellismo della saratoga: sono disponibili in poche tonalità, purtroppo, ma tengono veramente bene.

  6. vincenzo vavalle scrive:

    dove si possono reperire questi colori?

  7. giuseppe scrive:

    ciao mi diresti che tipo di pittura hai usato se deve essere resistente all acqua oppure va bene una qualsiasi. un altra cosa ma per poi non farla staccare dalla pinna o dal fucile si deve fare qualche trattamento particolare o basta solo la vernice e basta

  8. Tommaso Mytom scrive:

    Ho usato dei colori (smalto) per modellismo della Saratoga, comprati al brico.
    Per rendere la mimetizzazione più duratura potresti usare del primer in bomboletta (basta una sola applicazione, alcune ore prima di iniziare il trattamento), e dello spray opacizzante 24 ore dopo aver applicato i colori.

  9. mauro scrive:

    il lavoro della pinna e stato ottimo , penso che sia abbastanza utile come pinna fatta in quel modo. COMPLIMENTI : ora voglio chiederti un parere come fare gli elastici, secondo te ce un modo?

    • Tommaso Mytom scrive:

      Secondo me gli elastici non andrebbero toccati. Non so se qualcuno ci abbia provato, ma per rendere la mimetizzazione duratura dovresti “intaccarne” l’efficienza.

Scrivi una risposta

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al suo funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi