17 Commenti

  1. 1000risorse scrive:

    che bello scoprire che vendono ancora il polpone!

  2. ivan.palumbo scrive:

    La seac mi piace, l’impugnatura degli arbalete è la migliore fra quelli commerciali, con il thunder 85 ho preso un sacco di pesce.

    L’idea della pinna in vetroresina, nei tempi della corsa al carbonio, è geniale.

    I coltelli pure mi incuriosiscono molto.

    • Tommaso Mytom scrive:

      Non conosco i prezzi, ma anche a me l’idea della pinna in vetroresina intriga. Credo infatti che per il tipo di pesca che faccio io (agguato/aspetto in basso/bassissimo fondo con lunghi spostamenti, rari tuffi entro i 10 e rarissimi oltre) siano addirittura più adatte di quelle in carbonio.

      • fabio70 scrive:

        Tommaso…il carbonio (tranne che per il costo maggiore) è superiore alla vtr sia che peschi in un metro d’acqua, sia che peschi oltre i 30 metri, sia per i lunghi spostamenti…

        • Tommaso Mytom scrive:

          Non ho argomenti per poter controbattere alla tua tesi, anche perché in vtr non ne ho mai provato. So soltanto che, generalmente, le pinne in carbonio sono più o meno reattive o più o meno progressive, e il mercato propende per quelle reattive. Nei lunghi spostamenti invece è preferibile avere pinne progressive, caratteristica che troviamo in una pinna in vtr.
          Infine, meglio un’ottima VTR o una pessima in carbonio (parlo in termini generici, non avendo mai provato le Seac)?

          • fabio70 scrive:

            Tom, la progressività di una pala NON è una caratteristica propria della vetroresina o del carbonio stesso…la progressività più o meno marcata di una pala è data dallo spessore e da come essa viene lavorata, secondo la volontà del costruttore o dalle specifiche a lui richieste da altri distributori…nel senso che, per esempio, se una pala viene realizzata a spessore stratificato decrescente (cioè sempre più sottile andando dalla parte che entra nella scarpetta, verso la punta),sarà più progressiva di una di analogo spessore e materiale, ma con uno spessore costante per tutta la sua lunghezza…
            E’ una questione meccanica: oltre alle qualità intrinseche del materiale stesso, la fibra di carbonio impiegata sulle pinne attuali e la sua lavorazione con tecniche all’avanguardia, consentono di avere un prodotto sempre superiore alla VTR…non si scappa. Il ritorno elastico (anche progressivo) del carbonio, è sempre superiore a quello della VTR.
            La VTR si pone come fascia di materiale e prestazionale, fra il tecnopolimero e il carbonio.

  3. 1000risorse scrive:

    anche io lo credo, ma ho già ordinato da 2 settimane un paio. mi arriverà i primi di marzo. in ogni caso si sa qualcosa di più sulla muta royal?

  4. Tommaso Mytom scrive:

    Fabio, lo so bene, forse mi sono spiegato male: è ovvio che puoi decidere come far lavorare un pala in fibra di carbonio lavorando sugli spessori, tuttavia è più facile trovare in commercio pale reattive piuttosto che progressive, molto meno richieste. Le pale in vtr invece sono “quasi sempre” delle tuttofare, con una buona progressività. Quindi, ricapitolando, non sono sicuro del fatto che un pala in carbonio reattiva lavori meglio in superficie di una pala in vtr progressiva. Tutto qua.

    • fabio70 scrive:

      Scusami se mi sono “permesso”…

      • Tommaso Mytom scrive:

        Fabio, non è una gara a chi ne sa di più. Io ne so molto poco. Ho soltanto riportato una mia impressione (a sua volta derivante da una chiacchierata che ho avuto qualche mese fa con il titolare di una nota azienda che costruisce pinne sia in carbonio che in vtr).

        • fabio70 scrive:

          Si, infatti…personalmente non ho mai fatto a “gara” con nessuno…e penso che tu lo sai fin da quando facevo parte del vostro staff…
          Mi riferivo al tuo tono un pò suscettibile nei miei confronti…tipo: “”Fabio, lo so bene””…
          Un saluto…

          • Tommaso Mytom scrive:

            a quel “lo so bene” ho fatto seguire “forse mi sono spiegato male”, e questo ti dovrebbe far capire che non avevo nessun intento polemico, altrimenti avrei scritto “non hai capito”, o roba del genere 😉
            Spero di aver chiarito, a presto.

  5. Stefano.Oggioni scrive:

    di pinne in fibra o vetroresina le fanno in diversi. concordo ottimi arbalete anche se ormai in commercio da un pò, ottimo il meccanismo di sgancio e la connessione tra fusto e manico antiflessione, molto brandeggio anche se non mi spingerei oltre il 90. il polpone fa affiorare ricordi a tutti, non vi nego che a volte mi piace fare delle pescate vintage con vecchi arbalete dei primi anni 90. Meno prestazionali, ma la cattura anche di un pesce poco pregiato, aumenta di valore e di emozione:)

  6. Lulazz scrive:

    il carbonio e’ mediamente meglio 😉 ci sono delle ottime pinne in vtr che sono meglio di pessime pinnaccie in carbonio

Scrivi una risposta

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al suo funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi