Alcune idee di Gioacchino: coltello nello schienalino e collegamento schienalino cintura

pesca sub

coltello su schienalino

Gioacchino, affezionato utente di questo blog (e possessore di un mirage che non smetterò di invidiargli), mi ha inviato alcune foto che mostrano un paio di interessanti soluzioni che rendono la vita più comoda al pescatore subacqueo.
La prima consiste nell’installazione di un piccolo coltello ausiliario nella cinghia dello schienalino. Il vantaggio offerto da questa soluzione consiste nel poter avere un coltello di riserva utilizzabile con entrambe le mani. L’alternativa, il posizionamento del coltello sul braccio, si rivela purtroppo tragicamente inutile nel caso in cui, per qualche motivo, dovessimo avere l’altro braccio bloccato.
Anche se mi auguro di non doverne mai avere bisogno (e gli scongiuri si sprecano), adottare una soluzione come quella proposta da Gioacchino può rivelarsi, in talune circostanze, un vero e proprio salvavita.
Anche l’altra soluzione ha a che fare con lo schienalino.
A meno che non utilizzate un gilet tipo quello Omer, spesso e volentieri lo schienalino presenta lo spiacevole inconveniente di spostare la cintura dei piombi alla quale è collegato, soprattutto nelle manovre di immersione.
L’idea di Gioacchino consiste nel prolungare l’elastico di collegamento alla cintura, farlo passare sotto il cavallo e collegarlo in prossimità della fibbia. In questo modo la trazione esercitata dallo schienalino, questa volta verso il basso, dovrebbe lasciare la cintura li dov’è.

collegamento schienalino cinturaschienalino gioacchinoschienalino gioacchino

12 Commenti

  1. Gioacchino scrive:

    Aggiungo a ciò che ha scritto Tommaso che il coltellino deve essere necessariamente piccolo e posto in una posizione,oltrechè raggiungibile da entrambe le mani,anche abbastanza in alto da non strisciare sul fondo quando si fa strusciapanza;ilcoltellino in foto è l’Omer che aveva un accessorio in gomma per il braccio,che ho rifilato per fissare il fodero con due buchetti nel bordo del neoprene dello schienalino Seac,bloccando il tutto con le due vite in dotazione;questo particolare coltello però ha il difetto di ballare nel fodero e fare un rumore molto fastidioso(non ho provato gli altri modelli),ho rimediato cambiando una delle viti e mettendola più lunga,in maniera che facesse da spessore e bloccasse più efficacemente il coltello,il risultato è che il funzionamento è perfetto e silenzioso.

  2. mytom scrive:

    Ciao Gioacchino, grazie per le precisazioni.

  3. tony scrive:

    @ mytom:
    ciao gioacchino, sarebbe interessante vedere anche la foto all’interno dello schienalino cosi risulterebbe tutto piu chiaro, bravo

  4. Gioacchino scrive:

    Hai ragione,ho mandato a Tommaso le foto,vedrà lui cosa mettere,comunque si tratta del modello omer minilaser che ha quel pezzo di plastica che serve a fissarlo al braccio;nella mia risposta qui sopra,successiva all’articolo,ho spiegato come ho fatto;nel caso specifico del minilaser aggiungo che la vite che ho dovuto cambiare è quella più vicina all’impugnatura:ha la testa sporgente quel giusto,il suo spessore è risultato perfetto per bloccare il coltello nel fodero e non farlo sbattere nè far rumore ed è tonda per non dare ostacolo nel rinfoderare;la omer sarà al corrente del rumore del minilaser e,forse anche di qualche altro modello,chissà se hanno rimediato nei modelli più recenti,ciao

  5. mytom scrive:

    foto inserite in coda all’articolo 🙂

  6. Gioacchino scrive:

    Grazie

  7. Gioacchino scrive:

    Nel mio immaginario utopistico,velleitario e irrealizzato,mi vedo abbracciato in un corpo a corpo con una enorme ricciola col coltello sulla bretella dello schienalino a portata di mano per finirla:il primo motivo del posizionamento del coltello è la sicurezza,sulla gamba è troppo lontano e si impiglia col cavo della boa,poi a volte a piegare la gamba possono venire i crampi,a fine pescata;sulla cintura poi,che tende a girare,faccio fatica a trovarlo al primo colpo e non è il massimo dover cercare il coltello quando ne hai bisogno subito,soprattutto con i guanti e se è ultrapiatto come il laser,quindi ho trovato la soluzione dello schienalino che,per questo motivo,indosso con poco piombo anche d’estate con la 3,5mm,poi sotto sotto pensavo anche al pesce della vita,catturato anche grazie a questo accorgimento,chissà…….

  8. mytom scrive:

    @ Gioacchino:
    Gioacchino, tu ti sogni la ricciola gigante, io al momento mi accontenterei di una bella oratona (mai presente nei miei carnieri!!!). 🙂

  9. paolork scrive:

    No vabbè!uno si scervella tanto quando poi si potrebbe risolvere con una stupidagine!!
    l’idea del collegamento cintura schienalino è tanto banale quanto geniale!!certe volte le soluzioni migliori sono talmente semplici che si nascondono!! 😀 .
    In una soluzione semplicissima hai risolto due problemi enormi della zavorra!Te la rubo subito!
    Unica cosa il collegamento lo farei in neoprene e farei in modo che si incastrasse nella fibbia. In modo da liberare tutto in un solo movimento.

  10. Gioacchino scrive:

    paolork wrote:

    No vabbè!uno si scervella tanto quando poi si potrebbe risolvere con una stupidagine!!
    l’idea del collegamento cintura schienalino è tanto banale quanto geniale!!certe volte le soluzioni migliori sono talmente semplici che si nascondono!! .
    In una soluzione semplicissima hai risolto due problemi enormi della zavorra!Te la rubo subito!
    Unica cosa il collegamento lo farei in neoprene e farei in modo che si incastrasse nella fibbia. In modo da liberare tutto in un solo movimento.

    Grazie del complimento;ho fatto il gancio in quel modo proprio perchè scivoli via in caso di sgancio zavorra,però occorre regolare la sporgenza del gancio perchè non tocchi strisciando e faccia rumore sulle rocce ma non stringa troppo bloccando la parte libera che è ovviamente quella senza fibbia;precedentemente avevo fatto un aggancio simile a quello degli schienalini delle bombole ossia,al posto del gancio,qualcosa di simile ad un chiodo la cui testa entra da sotto la fibbia di acciaio,appositamente tagliata,e viene trattenuto dalla parte anteriore che chiude:il vantaggio è,che aprendo la fibbia,la cintura fa saltare fuori il”chiodo” e si sgancia in un istante,gli svantaggi sono che è complicato chiudere la cintura agganciando contemporaneamente anche il sottocavallo e mi è anche capitato che la trazione piegasse la lamina d’acciaio per cui ho abbandonato il sistema;sempre mutuato dai cinghiaggi delle bombole,si può anche fare entrare il”chiodo” da un foro sulla chiusura della fibbia,poi farlo scorrere verso il basso in una fessura più stretta che trattiene la testa del chiodo e che termina dove la parte della fibbia che accoglie la cinghia blocca il tutto:il vantaggio,oltre allo sgancio automatico,anche la grande facilità di aggancio e,forse,la reperibilità dei pezzi nei negozi bomboleschi,ciao

  11. Gioacchino scrive:

    Tra l’altro ho visto che un’altra mia antica idea che precede il passaggio sottocavallo della cima fermaschienalino l’ho trovata sulle cinture marsigliesi che mi dicono abbiano un fermo sottocavallo per non farle risalire,aggiungendo l’aggancio posteriore già noto alla cintura si ottiene lo stesso vantaggio della mia idea

  12. Alex scrive:

    Il coltello nello schienale è geniale, lo realizzerò pure io!
    Saluti,
    AM

Scrivi una risposta

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al suo funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi