Articoli in Mares Mirage

Nuovi Pneumatici in arrivo

Notizia del 07.02.2010, vedere di seguito gli aggiornamenti.

AGGIORNAMENTO (22.02.2011):
Del nuovo fucile Salvimar se ne è già parlato qualche giorno fa (qui). Nel frattempo l’Amico Gioacchino ci ha rivelato che trattasi di una rivisitazione del del vecchio Scubapro Magnum (qui). Continuo a pensare che verrà prodotto esclusivamente nelle misure corte (ricordo il commento di un uomo Salvimar, il quale rivelava che buona parte del loro fatturato proveniva delle fiocine a mano e dagli altri prodotti venduti nei negozi delle località balneari estive). Tuttavia lo S
cubapro Magnum, nella versione pro, veniva prodotto nella misura 105. Staremo a vedere.
Sempre a proposito di nuovi fucili, una piccola ditta, la LG Sub, sta ripercorrendo le orme della ormai defunta Maori Sub (a proposito, qualcuno dice che potrebbe riaprire i battenti…). La SG Sub propone fucili costruiti su impugnatura Mares, con serbatoio da 35 mm., e basati con una volata sottovuoto che sembra una via di mezzo tra il mamba e il tovarich (o della sua evoluzione, il kara-jo), con l’estetica dell’X-Power. Non mi sembra, a sensazione, niente di innovativo, anche se pare ci siano dei brevetti di mezzo. Il sito è questo
.

Uno sgancia sagola per il Mirage

sgancia sagola mirage
Quello che vedete in foto è lo sgancia sagola che ho montato nel mio Mares Mirage 84.
Il Mirage non ha uno sgancia sagola di serie (chissà per quale motivo), pertanto quasi tutti i possessori di questo fucile si adattano a trattenere le volute dell’impiombatura tramite l’ausilio di un elastico o grazie a una piattina di acciaio modellata a “coccodrillo”. Si tratta di soluzioni che a me non piacciono, principalmente per via del fatto che la trattenuta del filo non è dinamica e, secondariamente, perché sistemare l’impiombatura con questi sistemi non è propriamente comodo.
Ho adattato pertanto alla bisogna lo sgancia sagola di uno spark, fissato nell’impugnatura del Mirage tramite una vite di acciaio autofilettante. Prima di inserire la vite ho fatto un piccolo foro nell’impugnatura con il dremmel, dopo di chè ho riempito il foro con una tenace resina bicomponente (metallo liquido), al fine di consolidarne la tenuta.
Ovviamente la vite andrà avvitata fino a un certo punto, evitando di stringere lo sgancia sagola, che deve poter ruotare senza attrito. Ho poi collocato una seconda vite che fa da battuta allo sgancia sagola ed evita la rotazione completa dello stesso. In tal modo lo sgancia sagola torna in posizione automaticamente. Se non avessi adottato questo accorgimento, lo sgancia sagola avrebbe ruotato completamente, ed un suo riposizionamento a fucile carico avrebbe richiesto l’azionamento del grilletto con relativa espulsione dell’asta. Nella vite di battuta ho infilato il segmento di un todino di alluminio, tanto per rendere la cosa esteticamente accettabile.
Per poter azionare lo sgancia sagola ho dovuto “allungare” il grilletto. In pratica ho tagliato un pezzo di grilletto di un fucile Seac, incollato sul grilletto Mirage e reso tutto omogeneo tramite uno stucco bicomponente del tipo “rifà tutto”. Ho successivamente rifinito il tutto con carta abrasiva fine.
Si è reso poi necessario scavare ulteriormente l’incavo dove sistemare il filo e, infine, modificare il segmento di contatto dello sgancia sagola con il grilletto. Purtroppo nell’effettuare quest’ultima operazione ho accentuato troppo la sagomatura, con  il risultato che applicando una trazione sufficientemente forte lo sgancia sagola riesce ad azionare il grilletto. Devo pertanto stare attento a non tendere troppo l’impiombatura, cosa peraltro che non si dovrebbe fare a prescindere.

Elaborazione Mares Mirage 84

Mares Mirage 84
Quello che vedete in foto è il Mirage 84 che ho intenzione di provare durante prossima uscita a pesca.
Purtroppo, per via di una serie di impegni personali abbastanza pressanti, la messa appunto di questo fucile ha richiesto molto più tempo del previsto.
Ho sostituito tutti gli oring, cambiato l’olio, montato X-Power e X-Runner, modificato il pistone in teflon (artigianale) della canna di precarica, modellato il serbatoio (modifica provvisoria: i materiali da me scelti arriveranno il prossimo mese) e mimetizzato il tutto.
Mi manca di montare uno sganciasagola e, forse, il perno del grilletto da 1,5 mm.
Porterò il fucile a 26 atm e vediamo cosa riuscirà a combinare.

Discussioni sul Mirage

mares mirage 84Riporto di seguito la discussione sul fucile Mirage della Mares, nata e sviluppata nell’articolo sulla plancetta Shardana. In questo modo la discussione può essere ripresa e ulteriormente ampliata in un articolo apposito.
Ho appena finito di smontare il Mirage. Avrei voluto fare un video, ma non ho avuto il tempo per organizzarmi. Certo, si tratta di un fucile strutturalmente complesso, pieno di oring e parti mobili. Tuttavia ritengo che con i materiali moderni e un po’ di buona volontà il progetto possa essere ripreso e ulteriormente sviluppato.

Attenzione, i commenti sono ancora in fase di editing (un lavoraccio spostarli). In giornata dovrei completare il lavoro

X-Power + X-Runner + X-Shaft Free per il mio Mirage

X-Power + X-Runner + X-Shaft Free per il MirageSono sicuro che con i prodotti che vedete in foto il mio Mirage 84 diventerà un super cannone.
Avevo inizialmente pensato di montare un kit sottovuoto artigianale, da me costruito, ma alla fine ho pensato che il glorioso Mirage meritasse il meglio, così ho optato per l’acquisto del Kit X-Power per asta nuda, il pistone X-Runner alte prestazioni, e un’asta X-Shaft Free prodotta da Sigal.
Avrò di che scrivere per i prossimi giorni.

Finalmente il Mirage

mares mirage 84Finalmente sono riuscito a procurarmi il mitico Mirage della Mares. Purtroppo l’ho trovato della misura 84 (in realtà un 75), mentre avrei preferito il 105, più facile da “stabilizzare” e maggiormente adatto al tipo di pesca da me praticato.
Ovviamente farò sparire quanto prima l’orribile adesivo mimetico che si trova lungo il serbatoio.
Per chi ancora non lo conosce, il Mirage è un fucile progettato per la Mares dal mitico Marò (Rodolfo Betti, uno dei massimi campioni nella storia della pesca subacquea) nei primi anni 70 del secolo scorso. Fa quasi impressione dirlo, io in quegli anni ci sono nato…
Caratterizzato da alcune peculiarità che lo rendono un fucile unico, è stato progettato per funzionare a 40 atmosfere di precarica.  Poteva contare su una canna secondaria di diametro ridotto, agendo sulla quale tramite l’asta con il quale veniva armato – bisognava dargli cinque o sei “pomate” – si riduceva notevolmente lo sforzo di caricamento sulla canna principale, da 13 millimetri di diametro.
Aveva anche dei difetti. Essenzialmente due: era decisamente pesante in acqua e soprattutto molto delicato. Difetti che probabilmente ne decretarono il ritiro dal mercato.
Tuttavia da qualche anno il Mirage è diventato un oggetto di culto, considerato da molti pescatori subacquei il miglior fucile pneumatico di sempre.
Per ora mi fermo qui. Seguiranno altri articoli, nel frattempo chi volesse approfondire può leggersi tutti gli articoli e i commenti presenti in questo blog dove si è affrontato l’argomento Mirage.

Il Mirage di Gioacchino


Mares Mirage Modificato
Pubblico volentieri le foto del Mares Mirage di Gioacchino, utente di pescafacile.com. Si tratta di un Mirage modificato con il kit sottovuoto X-Power, tenuto a 25 atm (che su un canna 13 non sono poche, ma che sul Mirage sono gestibili grazie al sistema della doppia canna), ulteriormente potenziato con il pistone X-Runner e con il lubrificante X-Lube.
Al fucile è stato “segato” e modificato il calcio, ora meno inclinato, per consentire un brandeggio migliore. L’impugnatura originale del Mirage infatti è perfetta per i fucili lunghi dedicati all’aspetto, ma per agguato e razzolo è necessaria un’impugnatura il meno inclinata possibile, per facilitare le torsioni del polso.
Al fucile è stata aggiunta una buona dose di polistirolo, resa solidale al serbatoio grazie a un bel po’ di nastro isolante. Gioacchino fa notare che il risultato estetico non è particolarmente gratificante. Bè, poco male, l’occhio vorrà pure la sua parte, ma se l’etetica non ti fa prendere pesci serve davvero a poco…

Interessanti novità in arrivo…

Mares Mirage 80

Ormai la notizia è trapelata, quindi posso rivelare parzialmente il segreto che mi sono impegnato a mantenere nei confronti dell’amico Marco Paganelli si STC Italia: sta per nascere un nuovo super fucile subacqueo!
E non si tratterà di un fucile subacqueo qualsiasi. Vedete quello che ho pubblicato in questo articolo? Si tratta del Mirage della Mares, fucile prodotto qualche decina di anni fa dalla gloriosa industria ligure. Si trattava di un progetto rivoluzionario: un fucile utilizzabile a pressioni esasperate (fino a 40 atm) e dotato di una seconda canna interna di depressurizzazione. In pratica tramite questo sistema è possibile caricare il fucile con uno sforzo decisamente inferiore rispetto a quello richiesto dal livello di precarica utilizzato. In oltre il calcio inclinato e la canna decentrata garantiscono una linea di mira migliore, secondo me paragonabile a quella dell’omer airbalete.
Purtroppo soffriva di alcuni difetti: peso eccessivo, manutenzione difficoltosa e fragilità di alcuni componenti interni. Invece di migliorare il progetto Mirage, dopo qualche anno la Mares decise incredibilmente di sospenderne la produzione. Ma le caratteristiche positive di questo fucile erano talmente buone che negli anni molti pescatori hanno continuato ad utilizzarlo e, dopo l’avvento del sottovuoto, a rivalutarlo completamente. Oggi il mirage è diventato un oggetto di culto, ricercato dagli amanti dei fucili pneumatici, tanto che per acquistarlo di seconda mano si arriva a spendere anche 500 euro.
Bene, a quanto pare Marco sta lavorando a un nuovo fucile che riprende alcuni concetti del Mirage, utilizzando ovviamente i materiali oggi a disposizione e creandolo nativamente sottovuoto (con la tecnologia alla base dell’X-Power). Per quanto mi riguarda sono a conoscenza di ulteriori dettagli, ma un segreto è un segreto, e quindi non ci resta che aspettare…

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al suo funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi